Il nostro corpo è inteso come una magica e ingovernabile macchina, protagonista di un caleidoscopico susseguirsi di eventi che, da solo o interagendo con altri, trova la più antica sintonia degli animi umani. Ironico gioco di indagine attorno a quello che da sempre muove e governa la psicologia umana, e con essa il mondo intero: il sesso. Sensuale, ingenuo, accattivante, pungente, irruento, romantico, ambiguo, violento gioco di vita quotidiana.

Lo spettacolo si svolge in una fabbrica dove l'essere umano è costruito come parte di una catena: prima di arrivare allo spazio scenico lo spettatore attraversa un labirinto - luogo di azione performativa - dove sono esposti dei pezzi di corpi umani, principalmente quelli degli organi sessuali, con le istruzioni per costruire la perfetta macchina del sesso.

Per i temi trattati e per alcune immagini lo spettacolo è consigliato ad un pubblico di età superiore ai 12 anni.
 
una produzione:
Oplas / Centro Regionale della Danza Umbria Ass. Cult.
 
per:
"IMPRONTE DI DANZA 2013"

 

con il sostegno di:
MiBAC
Regione Umbria
Provincia di Perugia
   
coreografia
LUCA BRUNI
scene e costumi
MARIO FERRARI
musiche
Autori vari
danzatori / performers
LUCA BRUNI, MARIO FERRARI
   
 
 
 

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player